Ottobre 16: Giornata europea di sensibilizzazione prima dell'arresto cardiaco Perché?

La morte improvvisa è un problema di grande portata: ogni anno circa 350.000 europei subiscono un arresto cardiorespiratorio (CPA) al di fuori degli ospedali (1). È stato dimostrato che la rianimazione cardiopolmonare controllata (RCP) raddoppia o addirittura quadruplica la sopravvivenza (2). Tuttavia, solo 1 vittima su 5 riceve la RCP (3). 

Come ho potuto verificare durante i corsi, l'ignoranza delle tecniche di RCP e la mancanza di formazione rendono le persone molto spaventate non solo per danneggiare la vittima, ma anche per essere denunciate.

Misure come la massiccia formazione di un maggior numero di cittadini nelle manovre di RCP e l'ubicazione strategica di defibrillatori esterni più automatizzati (DAE), potrebbero prevenire oltre il 50% delle morti per PCR (4). Inoltre, eseguire la RCP e utilizzare un DAE è molto semplice (2)

Misure adottate dal Parlamento europeo:

14 di giugno di 2012, il Parlamento europeo ha dichiarato l'importanza di istituire una settimana europea di sensibilizzazione sull'arresto cardiaco, volta a migliorare la consapevolezza e l'educazione del grande pubblico, dei medici e degli operatori sanitari (1).

Di conseguenza, l'anno successivo, l'Unione europea stabilì il 16 ottobre come "Giornata europea dell'arresto cardiaco" - "Giornata europea per il riavvio del cuore" (5). Da allora, questo giorno importante viene celebrato ogni anno.

Lo scopo di questo giorno:

L'obiettivo di questa giornata è aumentare la consapevolezza generale dell'arresto cardiaco. Oggi c'è ancora una grande mancanza di conoscenza da parte del pubblico riguardo al riconoscimento dell'arresto cardiaco e al modo di agire nei primi minuti fino all'arrivo dell'ambulanza. I testimoni dell'arresto cardiaco hanno fortunatamente chiamato 112 per informare (primo anello della catena della sopravvivenza). Tuttavia, pochissimi iniziano la compressione o il massaggio cardiaco.

Project Lifeguard si unisce a questa iniziativa parlamentare:

Dal team di Lifeguard Project riteniamo che sia di vitale importanza effettuare una formazione minima in CPR e nell'uso del defibrillatore per perdere "quella paura" di agire nei primi minuti e riuscire così a salvare una vita.

Tutti possiamo imparare queste tecniche, anche le più piccole della casa. La Danimarca può servire da esempio, che è riuscita ad aumentare il recupero degli arresti cardiaci extraospedalieri in età lavorativa da 12,1% a 34,6% in appena un decennio (2001-2011), grazie all'introduzione di Ambizioso programma di sensibilizzazione CPR (6,7).

Se non sei ancora addestrato alla rianimazione cardiopolmonare e desideri imparare queste manovre salvavita, non esitare a contattarci. Ci riteniamo fortunati a poter lavorare a questo meraviglioso progetto che ha un grande impatto socio-sanitario. Ti invitiamo a farne parte anche tu.

Project Lifeguard ha diffuso queste tecniche per anni e ha formato personale sanitario, polizia, vigili del fuoco, insegnanti, lavoratori, scolari, ecc. nelle manovre di rianimazione cardiopolmonare e nell'uso del defibrillatore. Molti di loro sono stati in grado di formarsi grazie alle nostre campagne di solidarietà attraverso il Braccialetti di salvataggio

 

Un grande abbraccio # Bagnino! 

 

Monte Matías Soria

Dipartimento di formazione

ANEK S3

Bibliografia:

 

1 Dichiarazione del Parlamento europeo di 14 Giugno 2012 sull'istituzione di una settimana europea di sensibilizzazione sugli arresti cardiaci a http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2012-0266+0+DOC+XML+V0//EN&language=EN

2 Linee guida del Consiglio europeo per la rianimazione per la rianimazione 2015: Sezione 2. Supporto vitale di base per adulti e defibrillazione esterna automatizzata

3 J. Berdowski, RA Berg, JG Tijssen, RW Koster. Incidenza globale di fuori ospedale. arresto cardiaco e tassi di sopravvivenza: revisione sistematica degli studi prospettici 67

Rianimazione, 81 (2010), pp. 1479-1487 http://dx.doi.org/10.1016/j.resuscitation.2010.08.006Medline

4 AMF Folke, FK Lippert, LS Rasmussen. Uso e vantaggi della defibrillazione dell'accesso pubblico in una rete nazionale. Rianimazione, 84 (2013), pp. 430-434 http://dx.doi.org/10.1016/j.resuscitation.2012.11.008

Medline

5 M. Georgiou. Restart a Heart Day: una strategia dell'European Resuscitation Council per sensibilizzare sull'arresto cardiaco. Rianimazione, 84 (2013), pp. 1157-1158 http://dx.doi.org/10.1016/j.resuscitation.2013.06.021Medline

6 Wissenberg, M. et al. (2015): "Sopravvivenza dopo arresto cardiaco extraospedaliero in relazione all'età e all'identificazione precoce dei pazienti con minima possibilità di sopravvivenza a lungo termine." Circolazione, 131, 1536-1545.

7 Isbye, DL al (2017): “Diffondere la formazione sulla rianimazione cardiopolmonare distribuendo i manichini personali 35000 tra i bambini in età scolare”. Circolazione, 116, 1380-1385.

 

 


stampa   E-mail