Quando una vita ha un prezzo - Cardioprotezione

Di recente abbiamo appreso della morte improvvisa di Davina Tavener di 47 anni durante un volo Ryanair a Lanzarote.

Questa situazione non è nuova, ogni anno i passeggeri muoiono in aeroplani, aeroporti, stazioni ... ecc. Non è inoltre nuovo che i defibrillatori salvino vite in percentuale elevata se agiscono in meno di 5 minuti. La morte improvvisa non è inevitabile, essendo la prima causa di mortalità con più di 30.000 morti in Spagna ogni anno fuori dagli ospedali, gli studi indicano che agire con un defibrillatore in meno di 5 minuti può raggiungere fino al 70% possibilità di sopravvivenza .

E con queste cifre molti si chiederanno ... Come è possibile che un aereo non abbia un defibrillatore?

La risposta è semplice e anche se ci costa, è puramente economica.

La maggior parte delle compagnie non ha defibrillatori negli aeroplani, anche se è vero che alcuni al momento hanno acquistato le attrezzature e non le hanno sistemate sugli aerei, la ragione è puramente economica. Supponiamo un aereo che fa un volo da Madrid a Cancun e a metà del volo per 4 ore da Madrid e 4 ore da Cancun un passeggero subisce un arresto cardiaco, nel caso in cui 1 non abbia un defibrillatore, la persona muore e l'aereo arriva a destinazione con la persona deceduta secondo le norme aeree, nel caso di 2 l'aereo ha un defibrillatore, il paziente dopo il recupero di uno o più scarichi, l'aereo in questa emergenza deve atterrare urgentemente all'aeroporto più vicino, il che significa Una spesa importante.

Anche così, recentemente alcune aziende come quelle appartenenti a Globalia o Pullmantur hanno incorporato queste apparecchiature nei loro aerei offrendo il miglior servizio che possono offrire a un passeggero il costo che ha ... salvargli la vita in caso di arresto cardiaco.

La Spagna seguirà la coda dell'Europa nella cardioprotezione fintanto che non avremo una normativa nazionale per l'implementazione, l'uso e la manutenzione dei defibrillatori e degli estintori. La massificazione dei defibrillatori e degli estintori potrebbe significare salvare più di 4.000 vite all'anno nel nostro paese.

È importante ricordare quanto sia importante disporre di queste apparecchiature per smaltirle in modo corretto, con la manutenzione e per avere persone addestrate per il loro uso, come la società SEMST spagnola che certifica gli spazi Cardioprotected Spaces, attraverso il Progetto Lifeguard stesso, è possibile ottenere entrambi installazione, formazione omologata, manutenzione e certificazione di qualsiasi entità. www.salvavidas.eu


stampa Posta elettronica