Indietro Prossimo

Parliamo di allergie | Pronto soccorso

El Ministero della Salute definire il allergia come una speciale suscettibilità di alcune persone che le fa rispondere in modo esagerato a uno o più elementi esterni.

Normalmente parliamo di elementi a cui il corpo non dovrebbe avere alcuna reazione, quindi in molti casi le allergie si verificano "di sorpresa" e ci sorprendono, non sapendo bene cosa succede o come reagire.

  • I sintomi possono essere:

ORALE.

Prurito di bocca, lingua, gola, labbra ... Può anche presentare eruzioni cutanee, gonfiore ...

Questi tipi di sintomi sono generalmente associati all'assunzione di alimenti a cui il paziente è allergico e possono verificarsi al primo contatto o nei contatti successivi. La gravità può variare.

SKIN

Orticaria, angioderma, dermatite, prurito o prurito agli occhi ...

Questi tipi di sintomi possono essere associati ad altri come sintomi secondari o possono essere primari nelle allergie a peli di animali, polline, funghi, farmaci, metalli ...

Di solito sono leggermente più miti rispetto agli altri sintomi e possono essere dovuti ad allergie temporanee.

DIGESTIVA

Vomito, diarrea, filamenti di sangue nelle feci, marcato rigetto di un alimento, dolore addominale, perdita di peso o altre reazioni digestive.

Di solito sono sintomi primari causati dall'ingestione di alimenti che causano allergie e sono generalmente associati ad altri sintomi secondari cutanei, orali e respiratori.

RESPIRAZIONE

Starnuti, rinite acuta, asma, difficoltà respiratoria ...

Di solito sono sintomi primari nelle allergie a pollini, sostanze chimiche o peli di animali e possono anche apparire come sintomi secondari nelle allergie alimentari.

 

  • ALLERGENI HABITUALI:

Il polline delle piante, soprattutto graminacee e ulivi; i peli degli animali e gli acari della polvere sono solitamente gli allergeni ai quali è sensibile la più alta percentuale della popolazione. Queste allergie compaiono in qualsiasi momento e di solito non si attenuano con il passare del tempo.

Le allergie alimentari di solito compaiono durante l'infanzia, sebbene possano essere diagnosticate in età adulta e possono regredire con l'età o vedere i loro sintomi aumentare. Gli allergeni alimentari più comuni sono generalmente proteine ​​del latte, lattosio, uova, pesce, alcuni frutti, semi, glutine, soia, crostacei, frutta secca ... Questi tipi di allergie, se sono gravi, possono più probabilmente causare shock anafilattici, quindi è importante conoscere i componenti del cibo.

Il veleno di alcuni insetti come vespe, api e ragni, può anche causare allergie e può essere letale in caso di molti morsi simultanei o verificarsi in luoghi molto vicini al flusso sanguigno come il collo ...

Allergie a farmaci, funghi, metalli e sostanze chimiche, sebbene siano in qualche modo meno comuni, si verificano e dovrebbero essere controllate, in particolare quelle dei farmaci, che, essendo prodotti ingeriti, hanno anche maggiori probabilità di causare shock anafilattici.

SHOCK ANAFILATTICO

È una reazione allergica molto acuta e pericolosa per la vita, motivo per cui la cosa più importante è l'osservazione, la rilevazione molto precoce dei sintomi e l'attenzione precoce, che può includere:

  • deterioramento dello stato generale
  • asma e difficoltà respiratorie che stanno aumentando
  • Nausea e vomito
  • L'infiammazione.
  • ipotensione
  • Perdita di conoscenza
  • Arresto cardiaco

In caso di sospetto di anafilassi, contattare immediatamente 112, preparare la respirazione assistita e individuare l'iniezione di adrenalina da somministrare con il permesso di 112, quindi è essenziale che, in caso di gravi allergie, case, luoghi di lavoro, istruzione, gli sport ... hanno questi iniezioni di adrenalina 

Nel caso in cui porti ad arresto cardiaco individuare defibrillatore nel caso sia necessario il suo utilizzo.

TRATTAMENTI

Non ci sono troppi trattamenti in questo senso, essendo più concentrati sull'alleviamento temporaneo dei sintomi che sull'eliminazione delle allergie.


stampa   E-mail