Normative sui defibrillatori Castilla - La Mancha

Regolamento sull'uso dei defibrillatori esterni in Castilla La Mancha

Regolamento sull'uso, l'installazione e la formazione sui defibrillatori per le aree cardio protette nella Comunità di Castilla La Mancha.

Norma castigliana La Mancha sui defibrillatori esterni - Regolamento della comunità autonoma di Castilla La Mancha


Decreto 4 / 2018, datato 22 di gennaio, che regola l'uso di defibrillatori esterni automatizzati al di fuori del campo sanitario. [2018 / 1227]
Il decreto 27 / 2015, di 14 di maggio, che regola l'organizzazione e il funzionamento del servizio di assistenza e coordinamento di emergenza e di emergenza 1-1-2 di Castilla-La Mancha, intende fornire agli utenti un Accesso rapido, facile e gratuito ai servizi di emergenza pubblici, tramite il telefono unico europeo di emergenza, e configurare questo servizio come centro di comunicazione e coordinamento delle azioni in situazioni di emergenza straordinarie. Tra tutte le situazioni di emergenza sanitaria che comportano rischi vitali e che richiedono a
Risposta immediata, evidenzia arresto cardiaco. Le cause più frequenti di questa situazione in un adulto, nell'ambiente extra ospedaliero, sono la fibrillazione ventricolare e la tachicardia ventricolare senza polso ed è noto che la defibrillazione elettrica precoce è il modo più efficace per recuperare la vita, evitando o minimizzando sequele.

La commercializzazione di defibrillatori esterni automatici e semiautomatici, attrezzature tecniche semplici e sicure in grado di analizzare la frequenza cardiaca e identificare le aritmie sensibili alla defibrillazione e che quindi amministrano automaticamente o semiautomaticamente la scarica elettrica richiesta, senza la necessità di un intervento professionale salute qualificata, ha contribuito alla comunità scientifica a promuovere l'uso di questi dispositivi da parte dei primi partecipanti al di fuori del campo sanitario.

Il decreto 9 / 2009, di 10 di febbraio, che regola l'uso di defibrillatori semi-automatici esterni al di fuori del campo sanitario, stabilisce in Castilla-La Mancha i requisiti per l'installazione e l'uso di defibrillatori esterni al di fuori del campo sanitario, nonché per l'accreditamento degli enti di formazione alla formazione del personale non sanitario per il loro uso. Ha anche creato i record necessari per la gestione di questa attività.

Il regio decreto 365 / 2009, di 20 di marzo, che stabilisce le condizioni minime di sicurezza e qualità e i requisiti nell'uso di defibrillatori automatici e semiautomatici esterni al di fuori del campo sanitario, stabilisce, come regola di base, le condizioni e requisiti minimi di sicurezza e qualità nell'uso di defibrillatori esterni automatici e semiautomatici al di fuori dell'area sanitaria e per il loro uso e manutenzione, nonché i contenuti essenziali della formazione di coloro che sono autorizzati ad usarli.

L'esperienza accumulata nel tempo trascorso dalla pubblicazione del decreto 9 / 2009, di 10 di febbraio, le prove scientifiche disponibili e le nuove raccomandazioni sull'importanza di un rapido intervento prima di un arresto cardiaco nei tassi di sopravvivenza, nonché gli interessi dell'Amministrazione Sanitaria del Consiglio Comunale di Castilla-La Mancha nel promuovere e facilitare l'uso di questa tecnologia, è necessario approvare un nuovo standard per l'uso di defibrillatori esterni, automatici o semiautomatici, da parte dei primi intervenienti, che
incorporare con questa prestazione la catena della sopravvivenza.

Lo scopo di questo standard è l'aggiornamento dei requisiti per l'installazione e l'uso di defibrillatori automatici al di fuori del campo sanitario, nonché per la formazione dei primi intervenienti e l'accreditamento delle entità di formazione per la loro formazione. Allo stesso modo, le procedure sono adattate alle normative vigenti in materia di amministrazione elettronica e semplificazione.

La presente iniziativa di regolamentazione è principalmente legata all'esercizio dei poteri definiti nell'Articolo 32.3 dello Statuto di Autonomia di Castilla-La Mancha, che attribuisce al Consiglio delle Comunità i poteri di sviluppo legislativo e di esecuzione della legislazione di base dello Stato in materia di salute e igiene, promozione, prevenzione e ripristino della salute.

In virtù di quanto precede, prima udienza del Consiglio sanitario di Castilla-La Mancha, in conformità con il Consiglio consultivo di Castilla-La Mancha, su proposta del Ministro della salute e previa deliberazione del Consiglio del governo nella riunione del giorno 22 di Gennaio di 2018,

Ho:

ANNO XXXVII n. 24 2 febbraio 2018 2854

Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione.

1. Lo scopo di questo decreto è di regolare:

a) L'installazione e l'uso di defibrillatori automatici esterni (di seguito DEA) al di fuori del campo sanitario.
b) La formazione iniziale e continua del personale le cui qualifiche non consentono loro di utilizzare gli AED.
c) L'accreditamento delle entità di addestramento per addestrare il personale menzionato nella precedente sezione di questo articolo.
d) L'organizzazione dei registri amministrativi necessari per soddisfare le finalità perseguite dal presente decreto.

2. Le disposizioni della presente disposizione si applicano a tutti i DEA, automatici e semiautomatici installati in spazi non sanitari, pubblici e privati, di Castilla-La Mancha.

Articolo 2 Definizioni.

Ai fini del presente decreto si applicano le seguenti definizioni:

a) Defibrillatore automatico esterno (DAE): dispositivo medico, approvato per l'uso secondo la normativa vigente, dotato di un sistema computerizzato per l'analisi del ritmo elettrico cardiaco in grado di identificare le aritmie tributarie mortali della defibrillazione e somministrare una scossa elettrica per ripristinare la frequenza cardiaca praticabile, con alti livelli di sicurezza. Quando questo download viene gestito con la partecipazione del primo partecipante, che preme il pulsante di connessione, il defibrillatore viene chiamato semiautomatico (DESA). Diversamente da ciò, nei defibrillatori automatici è il dispositivo stesso che gestisce la scarica dopo aver rilevato l'aritmia. Ai fini del presente decreto, i due tipi sono inclusi sotto l'abbreviazione generica di DEA.
b) Primo partecipante: persona che ha un contatto iniziale con il paziente al di fuori del contesto sanitario, identifica la situazione di arresto cardiaco, avvisa il servizio di coordinamento di emergenza e di emergenza 1-1-2 di Castilla-La Mancha (di seguito, Servizio di emergenza 1-1-2), avvia le manovre di rianimazione di base e utilizza un DAE mentre arrivano squadre di emergenza extraospedaliera.

Articolo 3 Requisiti per l'installazione e l'uso di defibrillatori automatici esterni.

1. Per l'installazione e l'uso di DEA in spazi o luoghi al di fuori dell'ambito sanitario, si applicheranno i requisiti stabiliti nelle norme statali di base, nel presente decreto e nelle normative successive che le sostituiscono o sviluppano.
2. Gli enti pubblici o privati ​​che procedono all'installazione di un DAE nelle loro unità devono:
a) disporre di uno spazio accessibile e adeguato per la sua installazione, indicando l'esistenza della DEA mediante un segno indicativo posto in un luogo visibile. Questa posizione apparirà sulle mappe e mappe informative del luogo.
Verrà utilizzata la segnaletica universale raccomandata dal Consiglio spagnolo per la rianimazione cardiopolmonare (di seguito CERCP), secondo il modello che figura nell'allegato I del presente decreto.
b) disporre della fornitura minima di materiale insieme alla DEA inclusa nell'allegato II del presente decreto.
c) Avere personale autorizzato per l'uso dei DEA fintanto che il luogo in cui è installato è aperto al pubblico e fornire al proprio personale una formazione iniziale e continua per tale uso, in conformità con le disposizioni del presente decreto.
d) Avere un servizio telefonico, integrato o meno nel DEA, per la comunicazione immediata con il servizio di emergenza 1-1-2. Se non è integrato, è necessario disporre di un sistema vivavoce con un altoparlante esterno che si sposterà con il DEA stesso.
e) Garantire la conservazione e la manutenzione dei DEA secondo le istruzioni del produttore dell'apparecchiatura, in modo che il defibrillatore e i suoi accessori siano in perfette condizioni.
I rapporti di manutenzione saranno disponibili per gli ispettori sanitari del Ministero responsabile della salute.

Articolo 4 Comunicazioni relative all'installazione dei defibrillatori.

1. Le persone fisiche o giuridiche responsabili di entità, pubbliche o private, che desiderano installare una DEA devono presentare una dichiarazione responsabile alle Direzioni provinciali del Ministero responsabile della salute secondo il modello abilitato a tale scopo presso la sede elettronica del Consiglio comunitario dalla Castilla-La Mancha (www.jccm.es).
2. Le persone obbligate a interagire elettronicamente con l'Amministrazione, conformemente alle disposizioni dell'articolo 14.2 della legge 39 / 2015, di 1 di ottobre, della procedura amministrativa comune delle pubbliche amministrazioni, devono presentare la dichiarazione firmata elettronicamente con una firma elettronico attraverso la sede elettronica dell'Amministrazione del Consiglio Comunale di Castilla-La Mancha (https://www.jccm.es). Le restanti persone fisiche possono anche presentarlo nei luoghi previsti dall'articolo 16.4 della legge 39 / 2015,
Ottobre 1.
3. Questa dichiarazione responsabile deve specificare:
a) Il nome e l'indirizzo del luogo in cui il defibrillatore deve essere installato, nonché la descrizione dello spazio fisico specifico in cui verrà posizionato.
b) La marca, il modello, il numero di serie del defibrillatore e il nome del produttore o del distributore.
c) Il riferimento ai dispositivi disponibili per la comunicazione immediata con il servizio di emergenza 1-1-2, associato o meno al DEA.
d) Che sia conforme alle normative vigenti, statali e regionali, per l'installazione e l'uso dei DEA e i requisiti per detta installazione e utilizzo, inclusi nell'articolo 3 del presente decreto.
4. Insieme alla dichiarazione responsabile, deve essere fornita la seguente documentazione:
a) Documentazione comprovante l'identità del proprietario dell'entità che comunica l'installazione di un DAE, a condizione che non autorizzi il Ministero responsabile della salute a procedere alla verifica e alla verifica di tali dati.
b) Atto o documento costitutivo della società, nel caso di persone giuridiche.
c) Elenco delle persone autorizzate all'uso della DEA, comprese le informazioni sulla loro identità, qualifica o accreditamento per l'uso e le date in cui tali persone hanno effettuato la formazione iniziale e permanente, in conformità con le disposizioni dell'articolo 5 di Questo decreto
5. Sarà responsabilità dei proprietari delle entità, pubbliche o private, inviare la documentazione e le informazioni di cui al presente articolo alla Direzione provinciale del Ministero responsabile della salute; nonché la comunicazione di qualsiasi modifica dei dati comunicati o la volontà di sospendere o cessare l'uso della DEA in questione. Tali comunicazioni devono essere effettuate attraverso il modello abilitato a tale scopo presso la sede elettronica del governo regionale di Castilla-La Mancha (www.jccm.es), entro la scadenza
massimo un mese poiché si verificano queste situazioni.
6. Una volta informata dell'installazione della DEA e prima del suo utilizzo, la direzione generale responsabile della gestione, attraverso le sue direzioni provinciali, registrerà l'entità d'ufficio nel registro delle entità non sanitarie con defibrillatori automatici esterni di cui l'articolo 13.

Articolo 5 Persone autorizzate all'uso di defibrillatori al di fuori del campo sanitario.

1. Le persone che hanno conoscenze di base nell'area della rianimazione cardiopolmonare, del supporto vitale di base e dell'uso di un defibrillatore possono utilizzare un DAE al di fuori dell'area sanitaria per fornire la necessaria attenzione all'arresto cardiaco fino all'arrivo di team sanitari specializzati ; in particolare:
a) Laureati in Medicina e Chirurgia o Laureati in Medicina, Diplomi o Laureati in Infermieristica, così come altri professionisti della salute di quei livelli accademici che includono la formazione nel supporto vitale di base e la gestione del defibrillatore nel loro curriculum di formazione.
b) I tecnici di emergenza sanitaria o qualsiasi persona in possesso di un certificato accademico ufficiale che dimostri di aver superato l'unità di formazione professionale denominata "Basic Life Support" (UF0677) o che dimostri di aver superato un modulo professionale che include detto unità; o una persona in possesso di un certificato di professionalità, programma di formazione o corso di specializzazione, in cui è inclusa detta unità.
c) Coloro che hanno superato i corsi di formazione iniziale e di perfezionamento professionale i cui contenuti e durata sono indicati nell'allegato III del presente decreto.
d) Persone che documentano di aver documentato corsi di formazione per l'uso di DEA riconosciuti dalle autorità competenti di altre Comunità autonome e di altri Stati membri dell'Unione Europea negli ultimi anni 2, a condizione che il loro contenuto e durata includano il minimo istituito nel presente decreto e previo riconoscimento dinanzi al Ministero competente per la salute e la registrazione nel registro di formazione per l'uso di defibrillatori automatici esterni, disciplinati dall'articolo 12 del presente decreto, nella sezione corrispondente. Ai fini di possibili convalide per utilizzare i DEA nei termini previsti dalla presente norma, il responsabile della direzione generale responsabile della formazione del Ministero responsabile della salute, su proposta dell'Istituto di scienze della salute (di seguito ICS), determinerà le equivalenze tra i programmi di formazione iniziale e continua stabiliti nel presente decreto e il contenuto dei curricula che le parti interessate possono presentare.
2. Eccezionalmente, nel caso in cui la persona o le persone specifiche autorizzate per l'uso non siano presenti nel luogo nel momento in cui si verifica l'arresto cardiaco, qualsiasi persona può utilizzare il DAE a condizione di contattare una persona con una laurea in Medicina e Chirurgia , Laurea in Medicina o Diploma o Laurea in Infermieristica presso il Servizio di emergenza 1-1-2.

Articolo 6 Mantenimento dell'autorizzazione per l'uso di defibrillatori al di fuori del campo sanitario.

1. Il mantenimento dell'autorizzazione per l'uso dei DEA delle persone elencate ai punti c) ed) della sezione 1 del precedente articolo sarà condizionato alla realizzazione, su base biennale, dei corsi di formazione continua di cui all'allegato III del presente decreto.
2. Il mancato superamento o la mancata partecipazione a questi corsi di formazione continua, in ciascun periodo biennale corrispondente, comporterà la scadenza automatica dell'autorizzazione e la cancellazione della sua registrazione nel registro di formazione per l'uso di defibrillatori automatici esterni.

Articolo 7 Uso di defibrillatori.

1. Solo le persone autorizzate a farlo possono usare le DEA di cui al presente decreto secondo le modalità ivi previste.
2. L'uso dei DEA comporta, in ogni caso, l'obbligo di contattare immediatamente il servizio di emergenza 112, al fine di attivare urgentemente la catena di sopravvivenza.
3. Dopo ogni utilizzo del defibrillatore, sarà responsabilità dell'entità che lo ha installato inviare, entro un periodo massimo di 7 giorni, un rapporto scritto dalla persona che lo ha utilizzato, nonché i registri dell'attività elettrica del defibrillatore durante l'utilizzo l'apparato fornisce. Tale comunicazione verrà effettuata alla gestione delle emergenze, ai trasporti di emergenza e sanitari (di seguito Guets), secondo il modello abilitato a tale scopo nella sede elettronica del governo regionale di Castilla-La Mancha (www.jccm.es). La presentazione della comunicazione sarà effettuata in conformità con le disposizioni dell'articolo 4.2. I Guets invieranno una copia del rapporto al Registro delle entità non sanitarie con defibrillatori automatici esterni, regolato dall'articolo 13 del presente decreto. L'entità sarà esonerata da questa comunicazione quando viene dato il presupposto di cui alla sezione 2 dell'articolo 5, ma deve inviare il registro dell'attività elettrica del DAE utilizzato ai Guets.

Articolo 8 Formazione dei primi partecipanti.

1. L'obiettivo dei programmi di addestramento per i primi soccorritori è che ottengano le conoscenze e le competenze necessarie per identificare la situazione di arresto cardiaco, avvisare il servizio di emergenza 112, avviare manovre di rianimazione di base e utilizzare un defibrillatore esterno automatizzato mentre arriva l'attrezzatura di emergenze extraospedaliere.
2. I contenuti minimi, la durata del programma di formazione iniziale e continua e i requisiti minimi del personale docente sono descritti nell'allegato III del presente decreto.
3. Il gruppo docente sarà composto da persone con la qualifica inclusa ai punti a) eb) della sezione 1 dell'articolo 5 del presente decreto.
All'interno di esso, ci sarà un coordinatore che sarà responsabile del lavoro generale di organizzazione e sviluppo del corso, che deve avere lo status di laurea in Medicina e Chirurgia o Laurea in Medicina o Diploma o Laurea in Infermieristica, e raccogliere almeno uno delle seguenti condizioni:

1º Esperienza minima di 18 mesi nelle emergenze ospedaliere, trasporto assistito, rianimazione o terapia intensiva.
2º Formazione minima delle ore teorico-pratiche 500 in situazioni di emergenza e di emergenza sanitaria, con almeno il 25% delle pratiche faccia a faccia.
3º Possiede la specialità di Medicina Intensiva, Anestesiologia e Rianimazione o Cardiologia.
4. Possono organizzare e insegnare questi corsi, purché soddisfino i requisiti del presente decreto, enti pubblici o privati ​​accreditati dal Ministero responsabile per la salute, le unità competenti in formazione e centri di prevenzione del rischio professionale dipendenti dal Consiglio Comunale di Castilla-La Mancha, i Guets, i Collaboratori reciproci con la sicurezza sociale e altre entità o istituzioni che fanno parte del CERCP.

Articolo 9 Accreditamento delle entità di formazione.

1. Le entità interessate a fornire la formazione di cui al presente decreto devono richiedere l'accreditamento corrispondente alla direzione generale responsabile della formazione del ministero competente
in termini di salute.
2. Per essere accreditato come entità di formazione, il centro o l'istituzione deve presentare la seguente documentazione e informazione:
a) Richiesta di accredito indirizzata all'ICS, nel modello abilitato a tal fine presso la sede elettronica del governo regionale di Castilla-La Mancha (www.jccm.es). La presentazione della domanda sarà effettuata conformemente alle disposizioni dell'articolo 4.2. Tale richiesta deve contenere la dichiarazione responsabile del titolare dell'entità richiedente che ha il materiale bibliografico, audiovisivo e, almeno, il materiale pedagogico di cui all'allegato III; e rispetto degli altri requisiti e condizioni contenuti nel presente decreto.
b) Insieme alle informazioni contenute nel modulo di domanda menzionato in questo articolo, deve essere fornita la seguente documentazione:
1º Documentazione comprovante l'identità del titolare dell'entità richiedente, a condizione che non autorizzi il Ministero responsabile della salute a procedere alla verifica e alla verifica di tali dati.
2º Atto o documento costitutivo della società, nel caso di persone giuridiche.
3º Elenco delle persone che compongono il gruppo di insegnanti, comprese le informazioni sulla loro identità, qualifica o accreditamento per fornire corsi di formazione iniziale o continua, in conformità con le disposizioni dell'articolo 8 e dell'allegato III del presente decreto.
3. I servizi tecnici dell'ICS determineranno se la domanda e la documentazione presentate soddisfano i requisiti indicati nella sezione precedente. Nel caso in cui vi siano difetti o omissioni, l'interessato sarà tenuto a porre rimedio al difetto o a fornire i documenti obbligatori entro dieci giorni.
4. I servizi tecnici studieranno la documentazione presentata e pubblicheranno un rapporto con la loro proposta di accreditamento o rifiuto alla Direzione Generale responsabile della formazione del Ministero responsabile della salute. Il responsabile della direzione generale, in vista della presente relazione, risolverà concedendo o negando l'accreditamento richiesto. Il termine per dettare e notificare la risoluzione di accreditamento sarà di tre mesi.
Trascorso tale periodo senza espressa risoluzione, l'accreditamento sarà considerato concesso.
5. Una volta che l'ente di addestramento è accreditato, una copia dell'accreditamento verrà inviata all'ICS, che registrerà ufficialmente il centro nella sezione corrispondente del registro di addestramento per l'uso di defibrillatori automatici esterni, regolata dall'articolo 12 del presente decreto.
6. L'accreditamento dei centri di formazione sarà valido per cinque anni dalla data della risoluzione di accreditamento. Entro tre mesi prima della scadenza del periodo di validità, le parti interessate possono richiedere il rinnovo, seguendo la stessa procedura prevista per l'accreditamento iniziale.
Se durante questo periodo non è stata presentata alcuna domanda di rinnovo, l'accreditamento sarà considerato scaduto.
7. Gli enti di formazione accreditati devono informare la direzione generale responsabile della formazione del ministero responsabile della salute in merito a qualsiasi modifica delle condizioni di accreditamento.
8. La procedura per comunicare le modifiche sarà la stessa dell'accreditamento iniziale. Se le modifiche incidono sulle condizioni che hanno reso possibile l'accreditamento e si constata che i requisiti che sono serviti come base per la sua concessione sono stati violati, il capo della direzione generale può revocare tale accreditamento.

Articolo 10 Organizzazione dei corsi.

1. Una volta completata l'attività didattica, entro un periodo di 15 giorni, l'entità organizzatrice fornirà un rapporto all'ICS, attraverso il modello abilitato a tale scopo presso la sede elettronica del governo regionale di Castilla-La Mancha (www.jccm.es) . La presentazione della relazione sarà effettuata in conformità con le disposizioni dell'articolo 4.2.
2. Il rapporto deve indicare:
a) Il nome dell'ente di formazione accreditato o, se del caso, l'unità responsabile della formazione tra quelle incluse nella sezione 4 dell'articolo 8.
b) Il nome della persona che ha coordinato l'attività.
c) Il luogo in cui è stata impartita la formazione teorica e pratica, con espressione di mobili e attrezzature.
d) Contenuto, durata e organizzazione dell'attività.
e) La relazione del gruppo docente.
f) L'elenco degli studenti che hanno superato la valutazione del corso. Questi saranno registrati, d'ufficio, nella sezione corrispondente del registro di addestramento per l'uso di defibrillatori automatici esterni.
3. Il titolare della direzione di gestione ICS rilascerà i corrispondenti accreditamenti individuali di autorizzazione per l'uso della DEA agli studenti che hanno superato la valutazione, sia della formazione iniziale che dei corsi di formazione continua.

Articolo 11 Accreditamento di entità con sede in altre comunità autonome.

Nel caso di un'entità che ha sede in un'altra comunità autonoma, può anche richiedere l'accreditamento, seguendo la procedura stabilita nell'articolo 9 del presente decreto, o, se l'entità è già accreditata in un'altra comunità autonoma, comunicare tale accreditamento a la direzione generale responsabile della formazione del ministero della sanità, nel modello abilitato a tal fine nella sede elettronica del governo regionale della Castiglia-La Mancia (www.jccm.es). La presentazione della comunicazione sarà effettuata secondo le disposizioni dell'articolo 4.2. Una volta completata l'attività didattica, forniranno le informazioni e la documentazione in merito all'ICS nei termini stabiliti dall'articolo 10 del presente decreto.

Articolo 12 Registro di addestramento per l'uso di defibrillatori automatici esterni.

1. Il registro di formazione per l'uso di defibrillatori semiautomatici esterni, creato dal decreto 9 / 2009, di febbraio 10, che regola l'uso di defibrillatori semi-automatici esterni al di fuori del campo sanitario, è ora chiamato Training Registry for Use Defibrillatori automatici esterni (di seguito, RFDEA) e integra tutti i dati del registro precedente.
2. La RFDEA ha lo scopo di essere in grado di effettuare il monitoraggio e il controllo necessari delle persone autorizzate a utilizzare i DEA e gli enti di formazione accreditati per fornire la formazione fornita nell'allegato III del presente decreto. Questo registro dipende dalla direzione generale responsabile della formazione del ministero responsabile della salute.
3. Il registro è strutturato nelle seguenti due sezioni:
a) Sezione I. Enti di formazione accreditati per erogare i corsi di formazione. Questa sezione raccoglierà, come minimo, i dati identificativi dell'entità (nome e indirizzo) e del suo proprietario; identificazione e qualifica del coordinatore; data di rilascio dell'accreditamento e, se del caso, data di rinnovo dello stesso.
b) Sezione II. Persone autorizzate a utilizzare i DEA. Contiene almeno i dati di identificazione personale, le date di rilascio degli accreditamenti individuali di autorizzazione e le relative date di rinnovo.
4. La registrazione verrà effettuata d'ufficio dall'ICS una volta superata la valutazione dei corsi di formazione e, nel caso delle entità di formazione, una volta che l'entità sarà accreditata.
5. Al fine di facilitare la trasparenza amministrativa e l'accesso alla formazione dei primi partecipanti, la direzione generale responsabile dell'RFDEA renderà pubblici i dati dei centri di formazione accreditati attraverso il sito web del consiglio comunitario di Castilla-La Mancha.

Articolo 13 Registrazione di entità non sanitarie con defibrillatori automatici esterni.

1. Il registro delle entità non sanitarie con defibrillatori semiautomatici esterni, creato dal decreto 9 / 2009, di febbraio 10, è ora chiamato registro delle entità non sanitarie con defibrillatori automatici esterni (di seguito, RDEA) e integra tutti i dati del registro precedente .
2. La RDEA mira a fornire informazioni sull'ubicazione dei DEA, sia al servizio di emergenza 112, sia alle istituzioni di protezione dei cittadini, come le forze di sicurezza dello Stato e il Corpo o i servizi di protezione civile.
3. Questo registro è allegato alla direzione generale responsabile della gestione della salute e deve registrare le entità e le istituzioni che hanno installato un DAE e le persone che lo richiedono volontariamente; Questo record includerà tutti i dati raccolti nel modello di dichiarazione responsabile descritto nell'articolo 4 del presente decreto.
4. La registrazione nel Registro di sistema è obbligatoria per le entità che hanno un DEA installato prima dell'inizio del loro utilizzo. L'adempimento di questo obbligo corrisponde alla persona che detiene l'entità o la società che ha la DEA.
5. La direzione generale responsabile della gestione della salute, responsabile della RDEA, informerà il servizio di emergenza 1-1-2, il numero, le caratteristiche e la posizione dei DEA esistenti in spazi non sanitari. Allo stesso modo, metterà queste informazioni a disposizione di cittadini, professionisti e istituzioni attraverso il sito web del governo regionale di Castilla-La Mancha.

Articolo 14 Ispezione e controllo.

Il Ministero responsabile della salute effettuerà le azioni necessarie per sorvegliare e controllare il rispetto degli obblighi previsti dal presente decreto.

Articolo 15 Regime sanzionatorio.

Le violazioni delle disposizioni del presente decreto sono sanzionate in conformità con le disposizioni della sezione 4ª del capitolo III del titolo V della legge 8 / 2000, del novembre 30, della pianificazione sanitaria di Castilla-La Mancha, nonché nella Capitolo VI del titolo I dell'atto 14 / 1986 dell'aprile 25, generale della salute.

Prima disposizione transitoria. Autorizzazioni e accreditamenti in vigore.
Le autorizzazioni di installazione e utilizzo dei DEA e gli accreditamenti degli enti di formazione per il loro uso concessi a norma del decreto 9 / 2009, di 10 di febbraio, rimarranno validi fino alla data del rinnovo.

Seconda disposizione transitoria. Adattamento ai requisiti.
1. Gli spazi pubblici e privati ​​che dispongono già di un defibrillatore devono essere conformi ai requisiti stabiliti nel presente decreto entro dodici mesi dalla sua entrata in vigore.
2. Le persone fisiche o giuridiche responsabili della gestione o dello sfruttamento di quegli spazi o luoghi, che al momento dell'entrata in vigore del presente decreto dispongono già di un defibrillatore installato, ma non registrato, devono comunicare tale installazione al Registro delle entità non sanitarie con defibrillatori esterni Automatizzato, nei termini previsti dall'articolo 4, entro sei mesi dall'entrata in vigore del presente decreto.


Disposizione di abrogazione unica. Abrogazione normativa.
Il decreto 9 / 2009, di 10 di febbraio, che regola l'uso di defibrillatori semiautomatici esterni al di fuori del campo sanitario, e quante disposizioni di pari o inferiore grado si oppongono a quelle del presente decreto, è abrogata.

Prima disposizione finale. Trattamento dei dati personali.

1. Entro un mese, a decorrere dal giorno successivo alla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta ufficiale di Castilla-La Mancha, il Ministero responsabile della protezione dei dati modificherà i file corrispondenti, in conformità con le disposizioni di normative vigenti.
2. Ai fini del presente decreto e in tutti i casi applicabili, i dati dei registri attuali, creati in conformità con gli articoli 10 e 11 del decreto 9 / 2009, di febbraio 10, che regolano l'uso dei defibrillatori Anche i dispositivi semiautomatici esterni al di fuori dell'area sanitaria sono considerati parte di RFDEA e RDEA.

Seconda disposizione finale. Sviluppo ed esecuzione.
Il responsabile del Ministero della salute è autorizzato a modificare il contenuto degli allegati del presente decreto, nonché a dettare le disposizioni necessarie per lo sviluppo e l'esecuzione di esso.

Terza disposizione finale. Entrata in vigore
Il presente decreto entrerà in vigore un mese dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale di Castilla-La Mancha.

Dato a Toledo, il gennaio 22 di 2018

El Presidente
EMILIANO GARCÍA-PAGE SÁNCHEZ
Il consulente sanitario
JESÚS FERNÁNDEZ SANZ
ANNO XXXVII n. 24 2 febbraio 2018

SCARICA IL REGOLAMENTO che regola l'uso dei defibrillatori automatici esterni in Castilla La Mancha


Il progetto Lifeguard è una società specializzata nell'installazione e manutenzione di defibrillatori esterni, siamo addestratori approvati dalla Comunità di Castilla La Mancha, offriamo servizi a Guadalajara, Cuenca, Albacete, Ciudad Real e Toledo

La nostra azienda offre servizi di installazione e manutenzione per defibrillatori esterni, strutture approvate secondo le norme di Castilla La Mancha, un servizio di gestione completo per defibrillatori esterni con consulenza, installazione, formazione, manutenzione e riparazione di defibrillatori per conformarsi alla norma della comunità autonoma .

Nella provincia di Guadalajara Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Guadalajara, Molina de Aragón, Sigüenza, Alcolea del Pinar, Cifuentes, Atienza e Sacedón, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.

Nella provincia di Cuenca Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Cuenca, Montilla de Palancar, San Clemente, Iniesta, La Almarcha, Honrubia, Tarancón e Mota del Cuervo, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.

Nella provincia di Albacete Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Albacete, Villarobledo, Almansa, Pozo Cañada, Hellín, Tobarra, Alcaraz e Casas Ibáñez, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.

Nella provincia di Ciudad Real Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Ciudad Real, Manzanares, Piedrabuena, Puertollano, Valdepeñas, Tomelloso, Daimiel e Alcázar de San Juan, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.


stampa Posta elettronica