Regolamenti del defibrillatore della Galizia

Norme sull'installazione e l'uso dei defibrillatori esterni in Galizia

Regolamentazioni sull'uso, l'addestramento e l'installazione dei defibrillatori in spazi cardio sicuri in Galizia.

CONSELLERÍA DE SANIDAD XUNTA DE GALICIA - Regolamento sui defibrillatori esterni

DECREE 38 / 2017, di 23 di marzo, che regola l'installazione e l'uso di defibrillatori esterni al di fuori del campo sanitario e viene creato il suo registro

I. L'articolo 43.1 della Costituzione spagnola riconosce il diritto alla protezione della salute, in modo che le autorità pubbliche abbiano il dovere costituzionale di proteggere l'istituzione di misure preventive e la fornitura dei servizi necessari per la protezione della salute.

Ai sensi dell'articolo 149.1.16ª della Costituzione spagnola, lo Stato ha competenza esclusiva in materia di salute esterna, basi e coordinamento generale della salute e legislazione sui prodotti farmaceutici. Sulla base di tale competizione, è stata approvata la legge 14 / 1986 dell'aprile 25, salute generale. Pertanto, nel suo articolo 3 afferma come obiettivo del sistema sanitario che i mezzi e le azioni dello stesso saranno orientati principalmente alla promozione della salute e alla prevenzione delle malattie. Allo stesso modo, nel suo articolo 6, stabilisce che le azioni delle amministrazioni sanitarie pubbliche saranno orientate alla promozione della salute e ad assicurare che quante più azioni sanitarie vengano svolte siano finalizzate alla prevenzione delle malattie e non solo alla loro cura, garantire assistenza sanitaria in tutti i casi di perdita della salute.

L'articolo 33.1 dello statuto di autonomia della Galizia attribuisce alla Comunità autonoma la competenza dello sviluppo legislativo e dell'esecuzione della legislazione di base dello Stato in materia di salute interna e il numero 4 dello stesso articolo stabilisce che la Comunità autonoma può organizzare e amministrare a tali scopi e all'interno del proprio territorio tutti i servizi relativi alle suddette questioni, e eserciterà la tutela delle istituzioni, entità e fondazioni in materia di salute e previdenza sociale, lo Stato riservando l'elevata ispezione che porta al compimento delle funzioni e competenze contenute in questo articolo.

L'articolo 32.3 della legge 8 / 2008, di luglio 10, della Galizia, include come principio guida il sistema sanitario pubblico della Galizia la concezione integrale della salute, che include la promozione della salute, la protezione contro situazioni e circostanze che comportano un rischio per la salute, in particolare la protezione contro i rischi ambientali, la prevenzione delle malattie e l'assistenza sanitaria, nonché la riabilitazione e l'integrazione sociale, dal punto di vista dell'assistenza sanitaria. A questo proposito, la suddetta Legge 8 / 2008, di 10 di luglio, CVE-DOG: 4bji5rm5-bdc4-qh53-hn60-emkemc4emm71 DOG No. XNUM N. 70-10 http://www.xunta.gal/diario-oficial-galicia nel suo articolo 2017, stabilisce che le persone aventi diritto al diritto alla protezione della salute e all'assistenza sanitaria hanno il diritto di stabilire misure di prevenzione per malattia di comprovata efficacia e sicurezza.

II. In Galizia, le malattie cardiovascolari sono uno dei problemi di salute più importanti. Di tutte le situazioni di emergenza, la rianimazione cardiopolmonare rappresenta il paradigma in cui un'azione precoce e con mezzi adeguati condiziona la prognosi per il recupero della vita e la minimizzazione di possibili sequele.

Le cause più frequenti di arresto cardiorespiratorio negli adulti sono la fibrillazione ventricolare e la tachicardia ventricolare senza polso e hanno come trattamento fondamentale la rianimazione cardiopolmonare e la catena di sopravvivenza della defibrillazione elettrica. In queste situazioni, la disponibilità immediata di mezzi tecnici, defibrillatori, è essenziale per affrontare con successo le manovre di rianimazione, con il supporto di emergenze sanitarie che garantiscono la continuità delle cure. Secondo le raccomandazioni per la rianimazione 2015 del Consiglio europeo per la rianimazione, "l'installazione di DESA in aree in cui si può prevedere un arresto cardiaco ogni cinque anni, è considerata conveniente e paragonabile ad altri interventi medici".

Nella nostra comunità autonoma, la regolamentazione della materia era finora contenuta nel decreto 99 / 2005, di 21 di aprile, che regola la formazione e l'uso di defibrillatori esterni da parte di personale non medico. Questo standard normativo includeva le condizioni per l'uso extra-ospedaliero dei defibrillatori esterni, l'autorizzazione delle entità di addestramento e l'addestramento per la gestione dei defibrillatori esterni, in conformità con le rubriche dei loro diversi capitoli.

III. Nell'ambito del piano nazionale di qualità del sistema sanitario nazionale, l'28 di giugno 2006 è stato approvato nel Consiglio interterritoriale del sistema sanitario nazionale, la strategia ischemica per le malattie cardiache, che includeva la raccomandazione di stabilire un quadro giuridico per l'attuazione e lo sviluppo di un programma per favorire l'uso di defibrillatori semiautomatici in luoghi pubblici. Questo quadro giuridico è attualmente costituito dal regio decreto 365 / 2009, datato 20, che stabilisce le condizioni minime e i requisiti di sicurezza e qualità nell'uso di defibrillatori automatici e semi-automatici esterni al di fuori del campo sanitario, nonché da Decreto reale 1591 / 2009, CVE-DOG: 4bji5rm5-bdc4-qh53-hn60-emkemc4emm71 DOG No. 70 lunedì, 10 AP aprile-2017 No. XNUM Xunta.gal/diario-oficial-galicia di ottobre 16951, che regola i dispositivi medici. Queste disposizioni hanno lo status di norme di base come dettato dall'articolo 1130º della Costituzione spagnola.

L'articolo 5 del suddetto decreto reale 365 / 2009, di 20 di marzo, stabilisce che le amministrazioni sanitarie delle comunità autonome promuoveranno e raccomanderanno l'installazione di defibrillatori semi-automatici esterni in base alle raccomandazioni delle organizzazioni internazionali, in quei luoghi in cui concentrare o transitare un gran numero di persone e promuoverà i meccanismi di coordinamento appropriati con dispositivi come protezione civile, vigili del fuoco, polizia locale e altri che sono necessari per estendere l'installazione e l'uso di tali dispositivi.

Inoltre, l'articolo 4 del regio decreto 365 / 2009, di 20 di marzo, prevede che gli enti pubblici o privati, nonché i privati ​​che intendono installare un defibrillatore semiautomatico, devono notificare all'autorità sanitaria della Comunità autonoma il luogo o dello stabilimento in cui sarà disponibile, dichiarando in modo responsabile che soddisfano i requisiti stabiliti nella sezione 2 di questo articolo.

Allo stesso modo, l'28 di 2006 di dicembre è entrato in vigore la Direttiva 2006 / 123 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, di 12 di dicembre di 2006, relativa ai servizi nel mercato interno. Nello spirito di tale direttiva, la semplice invocazione dell '"interesse generale" non è sufficiente per giustificare il requisito a priori di determinate autorizzazioni, poiché il controllo amministrativo può essere effettuato attraverso la procedura di dichiarazione responsabile e successiva sorveglianza. Lo Stato ha recepito tali regolamenti attraverso la legge 17 / 2009, di 23 di novembre, sul libero accesso alle attività di servizio e il loro esercizio, e la legge 25 / 2009, di 22 di dicembre, sulla modifica di varie leggi per il loro adattamento alla legge sul libero accesso alle attività di servizio e al loro esercizio.

La legge 20 / 2013, di dicembre 9, che garantisce l'unità di mercato, stabilisce nel suo articolo 3 che “nessuna disposizione generale, azione amministrativa o standard di qualità che si riferisce all'accesso o all'esercizio di attività economiche può contenere condizioni o requisiti che hanno l'effetto diretto o indiretto di una discriminazione fondata sull'istituzione o la residenza dell'operatore economico. "L'articolo 16 della suddetta legge contiene il principio di libera iniziativa economica, in modo che" l'accesso alle attività economiche e il suo esercizio sarà gratuito su tutto il territorio nazionale e potrà essere limitato solo come stabilito dalla presente legge e dalle disposizioni dei regolamenti dell'Unione Europea o dai trattati e convenzioni internazionali. »Per questo motivo, per quanto riguarda il Enti di formazione, il nuovo regolamento elimina le precedenti autorizzazioni CVE-DOG: 4bji5rm5-bdc4-qh53-hn60-emke mc4emm71 DOG No. 70 lunedì, 10 aprile 2017 Pagina 16952 ISSN1130-9229 Deposito legale C.494-1998 http://www.xunta.gal/diario-gicial-galicia per enti di formazione e attività di formazione particolari , nonostante i necessari controlli ex post.

In conformità con le disposizioni del decreto 198 / 2010, del 2 di dicembre, che regola lo sviluppo dell'amministrazione elettronica nella Xunta de Galicia e delle sue entità dipendenti, nella direttiva sui servizi stessa e nella regolamenti sull'accesso elettronico dei cittadini ai servizi pubblici, facilita anche la presentazione di dichiarazioni responsabili con mezzi telematici presso la sede elettronica della Xunta de Galicia.

Tenendo conto dell'esperienza accumulata, dello sviluppo delle risorse tecnologiche disponibili e delle modifiche normative che sono state apportate, è necessario adattare le normative preesistenti in materia a tali modifiche, garantendo una maggiore accessibilità a tali risorse per l'approccio immediato delle situazioni di arresto cardiorespiratorio

IV. Il decreto è formato da quattro capitoli in cui, rispettivamente, vengono raccolte le disposizioni generali; i requisiti, l'installazione, la notifica e la registrazione dei defibrillatori esterni; la qualificazione e l'addestramento precisi per la gestione dei defibrillatori e le condizioni del loro uso; e le disposizioni relative al regime di ispezione e sanzione. Il presente regolamento è completato da due disposizioni aggiuntive, una transitoria, per adeguare spazi e servizi, una deroga e due disposizioni finali, in riferimento allo sviluppo e all'applicazione della regolamentazione.

In virtù di ciò, su proposta del ministro della sanità competente, d'intesa con il Consiglio consultivo, e previa deliberazione del Consello de la Xunta de Galicia, nella riunione del 23 marzo duemila diciassette

CAPO I Disposizioni generali


Articolo 1 Scopo del presente decreto è inteso a:

a) Stabilire le condizioni e i requisiti per l'installazione, l'uso e la manutenzione, al di fuori del campo sanitario, dei defibrillatori esterni automatici e semiautomatici.

b) Determinare i luoghi in cui è consigliabile disporre di questi defibrillatori, il sistema di notifica della loro installazione e la loro corretta segnalazione.

c) Stabilire i requisiti minimi relativi alla formazione dei manipolatori.

d) Creare il registro dei defibrillatori esterni della Galizia.


Articolo 2 Le definizioni ai fini del presente decreto si intendono come:

a) Defibrillatore semiautomatico esterno: dispositivo medico progettato per analizzare il ritmo cardiaco, identificare le aritmie fiscali fatali della defibrillazione e somministrare una scarica elettrica al fine di ripristinare il ritmo cardiaco praticabile con elevati livelli di sicurezza. Questa definizione include anche i cosiddetti defibrillatori automatici esterni.

b) Defibrillatore automatico esterno: dispositivo medico che si distingue dal precedente in cui, dopo aver analizzato la frequenza cardiaca e identificato le aritmie fatali, fornisce l'indicazione per somministrare una scossa elettrica. Articolo 3 Promozione dell'installazione e dell'uso di defibrillatori esterni al di fuori del campo sanitario

1. Per migliorare le aspettative di sopravvivenza di coloro che soffrono di un arresto cardiorespiratorio, si raccomanda l'installazione di defibrillatori esterni, specialmente nei seguenti spazi:

a) Grandi stabilimenti e centri commerciali, individuali e collettivi.

b) Aeroporti.

c) porti commerciali.

d) Stazioni e stazioni di autobus o ferroviarie o stazioni di interscambio.

e) Strutture, strutture pubbliche o spazi aperti in cui si svolgono attività ricreative e spettacoli pubblici.

f) Impianti sportivi o spazi sportivi non convenzionali per uso pubblico o privato.

g) Centri educativi.

h) Luoghi in cui vi è un alto rischio di arresto cardiaco, centri di riabilitazione cardiaca, veicoli di trasporto medico non urgenti, strutture sanitarie e cliniche.

i) Dipendenze amministrative dell'amministrazione generale della Comunità autonoma o del settore pubblico autonomo della Galizia, in cui un gran numero di persone è concentrato o in transito.

j) Altri spazi considerati di interesse in relazione all'attività svolta o in cui un gran numero di persone è concentrato o in transito.

2. Le amministrazioni sanitarie della Comunità autonoma della Galizia e le entità strumentali dipendenti, nell'ambito delle loro competenze:

a) Promuovere la formazione sui contenuti di supporto vitale di base e la gestione del defibrillatore.

b) Promuovere i meccanismi di coordinamento appropriati con dispositivi come protezione civile, vigili del fuoco, polizia locale e altri che sono necessari per estendere l'installazione e l'uso di defibrillatori esterni.

Articolo 3 La Xunta de Galicia legge sui defibrillatori esterni

L'amministrazione generale della Comunità autonoma e il settore pubblico autonomo della Galizia terranno conto e valuteranno l'installazione di defibrillatori esterni nei bandi per la costruzione o la gestione di infrastrutture o strutture, nonché nei bandi pubblici per la fornitura di servizi pubblici in regime agevolato con un flusso significativo di persone.

CAPO II Requisiti, installazione, notifica e registrazione dei dispositivi di defibrillazione


Articolo 4 requisiti

1. I defibrillatori esterni di cui al presente decreto devono essere conformi alle disposizioni del regio decreto 1591 / 2009, di ottobre 16, che regolano i dispositivi medici, mostrando la marcatura CE che garantisce la loro conformità ai requisiti essenziali Sono applicabili I defibrillatori esterni devono essere utilizzati nelle condizioni specificate dal produttore e devono essere adeguatamente mantenuti in modo da preservare la sicurezza e le prestazioni fornite durante il loro periodo di utilizzo. Allo stesso tempo, sarà garantito che l'apparecchiatura sia dotata di software che consente l'estrazione di dati da essi, direttamente o attraverso gli adattamenti necessari.

2. I dispositivi di defibrillazione installati devono essere chiaramente e chiaramente contrassegnati:

a) La tua situazione dovrebbe essere identificata specificando la sua posizione sulle mappe o mappe informative del luogo, in modo che le persone e i servizi di emergenza possano accedervi se necessario.

b) Le istruzioni per il loro utilizzo, nonché per il contatto con i servizi di emergenza, saranno visibilmente esposte.

c) La segnalazione della disponibilità di un defibrillatore dovrebbe essere chiara e semplice e rispettare le raccomandazioni di segnalazione stabilite dall'International Liason Committee on Resuscitation (ILCOR). Per la sua realizzazione, verranno utilizzati colori standard RAL 6032 o equivalenti: RGB: 0-152-100.din 616421.7: 6.5.4; Pantone 348C. Sotto il segnale, la parola DESA verrà inserita in una casella separata, con una dimensione minima di ¼ della casella superiore. Entrambi i progetti devono seguire le condizioni definite da ILCOR e stabilite secondo gli standard ESO 7010, 3864-3 e 9186-1. La situazione del defibrillatore deve essere debitamente identificata specificando la sua posizione su mappe o mappe informative del luogo e il modo di rivolgersi a un possibile utente.

3. Le persone fisiche o giuridiche che installano un defibrillatore esterno dovranno notificarlo conformemente alle disposizioni dell'articolo 5 e saranno responsabili di garantirne la manutenzione e la conservazione, conformemente alle istruzioni del produttore. Lo stesso obbligo di notifica esisterà in caso di rimozione del defibrillatore.

4. I dispositivi di defibrillazione esterna devono avere la dotazione minima indicata nell'allegato II.


Articolo 5 Dichiarazione responsabile

1. Le persone fisiche o giuridiche di cui alla sezione 3 dell'articolo 4 devono notificare l'installazione o la rimozione dei defibrillatori al dipartimento responsabile per la salute, nonché le variazioni che si verificano nei dati dichiarati, attraverso la Fondazione Emergenze sanitarie pubbliche della Galizia-061, facendo una dichiarazione responsabile.

2. Le suddette dichiarazioni responsabili saranno preferibilmente presentate per via elettronica tramite il modulo standardizzato di cui all'allegato I e che sarà disponibile presso la sede elettronica della Xunta de Galicia, https://sede.xunta.gal La presentazione elettronica sarà obbligatoria per le pubbliche amministrazioni, le persone giuridiche, le entità prive di personalità giuridica, le persone che esercitano un'attività professionale per la quale è richiesta la registrazione obbligatoria per le procedure e le azioni svolte con le pubbliche amministrazioni nell'esercizio della loro attività professionale, nonché per i rappresentanti di uno dei precedenti.

Se una delle persone interessate è obbligata a presentare la domanda di persona, dovrà correggerla mediante la sua presentazione elettronica. A tal fine, la data in cui è stata effettuata la correzione sarà considerata come la data di presentazione della domanda. Qualsiasi meccanismo di identificazione e firma ammesso dalla sede elettronica della Xunta de Galicia, inclusi il sistema utente e la password Chave365 (https://sede.xunta.gal/Chave365), può essere utilizzato per presentare domande.

3. Le persone interessate non obbligate a presentare per via elettronica, possono facoltativamente presentare la dichiarazione di persona di persona in uno dei luoghi e registri stabiliti nel regolamento che disciplina la procedura amministrativa comune, utilizzando il modulo standardizzato disponibile presso la sede elettronica della Xunta de Galicia.


Articolo 6 documentazione

1. Insieme alla dichiarazione responsabile, verrà presentata la seguente documentazione:

a) Copia del documento di identità nazionale o documento di identità equivalente, solo nel caso in cui non si rifiuti la richiesta.

b) Memoria descrittiva della posizione del defibrillatore e delle strade di accesso.

c) Documento identificativo del personale responsabile del defibrillatore.

d) Documento indicante i dati di geolocalizzazione del dispositivo, se applicabile.

2. Non sarà necessario fornire documenti che sono già stati presentati in precedenza. A tal fine, l'interessato deve indicare a che ora e davanti a quale ente amministrativo ha presentato tali documenti. Si presume che questa consultazione sia autorizzata dalle persone interessate, a meno che la loro espressa opposizione non sia dichiarata nella procedura.

In caso di impossibilità sostanziale di ottenere il documento, l'organismo competente può richiedere all'interessato di presentarlo o, in mancanza di ciò, l'accreditamento con altri mezzi dei requisiti a cui si riferisce il documento.


Articolo 7 Documentazione supplementare

1. La documentazione complementare sarà preferibilmente presentata elettronicamente. Le persone interessate saranno responsabili della veridicità dei documenti che presentano. In via eccezionale, l'amministrazione può richiedere la visualizzazione del documento originale per il confronto della copia elettronica inviata.

2. Il deposito elettronico sarà obbligatorio per i soggetti tenuti a presentare il deposito elettronico della dichiarazione. Se una delle persone interessate presenta di persona la documentazione complementare, dovrà correggerla attraverso la sua presentazione elettronica. A tal fine, la data di deposito sarà considerata come la data di deposito.

3. Le persone non obbligate a presentare informazioni elettroniche, facoltativamente, possono presentare di persona la documentazione complementare in uno dei luoghi e registri stabiliti nei regolamenti che disciplinano la procedura amministrativa comune.


Articolo 8 Registro dei defibrillatori esterni della Galizia

1. Viene creato il registro dei defibrillatori esterni della Galizia, gestito dal dipartimento responsabile della salute.

2. L'installazione di defibrillatori esterni nella Comunità autonoma della Galizia sarà soggetta alla registrazione d'ufficio conformemente alle dichiarazioni responsabili presentate. Allo stesso modo, saranno inclusi tutti i dati geografici e di coordinate relativi all'ubicazione, all'uso e al personale responsabile, nonché tutte le variazioni che si verificano, in modo che le informazioni vengano mantenute aggiornate.

3. Il dipartimento responsabile della salute assegnerà un numero di registrazione a ciascun defibrillatore, che deve essere visibile insieme alla relativa segnaletica.

4. Il registro può essere consultato attraverso le corrispondenti applicazioni informatiche, al fine di aumentare l'accessibilità della defibrillazione, sviluppando una mappa del defibrillatore nella Comunità autonoma della Galizia. I defibrillatori registrati in tale registro saranno incorporati nella mappa delle risorse disponibile al Centro di coordinamento delle emergenze sanitarie Galicia-061 per le cure di emergenza, al fine di migliorare l'accessibilità della defibrillazione e la prognosi di arresto cardiorespiratorio

5. La comunicazione del ritiro del defibrillatore comporterà la cancellazione della registrazione.

CAPITOLO III Titolazione, addestramento e uso di defibrillatori esterni


Articolo 9 titolazione

1. Possono utilizzare dispositivi di defibrillazione esterni:

a) Personale in possesso dei seguenti titoli:

1º. Laurea in Medicina e Chirurgia o laurea in Medicina.

2º. Laurea in Infermieristica o Laurea in Infermieristica.

3º. Formazione professionale del tecnico in situazioni di emergenza sanitaria o certificato professionale equivalente.

4º. Qualifiche ufficiali equivalenti alle precedenti, rilasciate da uno stato membro dell'Unione Europea.
b) Persone di età legale che dimostrano il superamento del programma di addestramento di base con accreditamento ufficiale per quanto riguarda la rianimazione cardiopolmonare, il supporto vitale di base e l'uso di defibrillatori esterni.

2. Nel caso di una situazione eccezionale in cui in quel momento non è possibile avere una persona con l'addestramento o la qualifica necessari per l'uso del defibrillatore, il Centro di coordinamento di emergenza sanitaria Galicia-061 può autorizzare qualsiasi altra persona a Gestione del defibrillatore, mantenendo sempre centrale la supervisione del processo.


Articolo 10 Le entità di addestramento usano defibrillatori

La formazione del personale che non possiede la qualifica indicata nella sezione a) del numero 1 dell'articolo precedente, può essere impartita da unità di formazione dei centri sanitari del Sistema sanitario pubblico della Galizia, dalla Fondazione pubblica della Emergency Health of Galicia- 061, dai centri per la prevenzione dei rischi professionali dipendenti da qualsiasi pubblica amministrazione, dagli infortuni sul lavoro e dalle malattie professionali, da entità o istituzioni che fanno parte del Consiglio spagnolo per la rianimazione cardiopolmonare o da persone fisiche o giuridiche riconosciute come istruttori da una qualsiasi delle istituzioni o entità che formano detto consiglio.


Articolo 11 Contenuto minimo e capacità delle attività di formazione

La formazione avrà come minimo il contenuto di cui all'allegato III, in modo che al termine l'organismo studentesco abbia dimostrato le capacità di:

a) Avviare la catena di sopravvivenza, compresa un'interazione ideale con il sistema di emergenza.

b) Riconoscere rapidamente un arresto cardiorespiratorio.

c) Applicare tecniche di permeabilizzazione delle vie aeree, comprese le misure iniziali prima dell'ostruzione da parte di un corpo estraneo (soffocamento).

d) Eseguire una rianimazione cardiopolmonare di alta qualità.

e) Utilizzare il defibrillatore in modo efficiente e sicuro.


Articolo 12 Accreditamento alla formazione

1. La formazione del personale di cui alla sezione b) del numero 1 dell'articolo 9 sarà accreditata mediante la corrispondente certificazione individuale, che deve essere riconosciuta dal Consiglio spagnolo per la rianimazione cardiopolmonare (CERCP) attraverso la Fondazione per le emergenze sanitarie della Galizia -061 o un'altra entità equivalente nel caso di personale formato in un'altra comunità autonoma o in un altro stato.

La formazione ottenuta al di fuori della Comunità autonoma della Galizia sarà riconosciuta se soddisfa le condizioni stabilite nel paragrafo precedente o se è riconosciuta in conformità con le norme specifiche della comunità autonoma in cui è stata svolta la formazione e il titolo è stato conseguito.

Gli stessi criteri si applicheranno alle qualifiche ottenute nei paesi membri dell'Unione Europea secondo le loro normative.

2. La copia originale o debitamente certificata di tali certificati deve essere presentata su richiesta dell'autorità sanitaria, sia per la verifica sia per convalidare l'efficacia della stessa per il suo utilizzo in qualsiasi funzionalità o registrazione che lo richieda all'interno della Comunità autonoma.

3. Le certificazioni individuali saranno valide per due anni, conteggiate dalla data di rilascio.

4. Le entità di addestramento terranno un registro aggiornato dei certificati emessi e della loro validità.


Articolo 13 Uso di dispositivi di defibrillazione e coordinamento dell'assistenza

1. Ogni atto di utilizzo del defibrillatore esterno comporta, in ogni caso, l'obbligo di contattare immediatamente il Centro di coordinamento di emergenza sanitaria Galicia-061, tramite chiamata telefonica o tramite i dispositivi di connessione che il dispositivo potrebbe aver installato, con il al fine di garantire la continuità delle cure e il follow-up medico della persona interessata.

2. Una volta utilizzato, il personale che ha effettuato la defibrillazione o la persona responsabile del dispositivo deve completare il foglio di assistenza fornito, che è incluso come allegato IV, e inviarlo al dipartimento responsabile della salute entro le prossime ore 72 , insieme alle informazioni elettroniche dell'evento raccolte nel sistema di dati del defibrillatore esterno. Queste informazioni saranno incorporate nel registro di rianimazione cardiopolmonare della Fondazione per le emergenze di salute pubblica della Galizia-061, al fine di monitorare e valutare l'uso dei dispositivi al di fuori dell'area sanitaria, rilevare le esigenze per la promozione dell'installazione in determinati luoghi e proporre azioni di miglioramento delle procedure d'uso, nonché promozione della formazione e della ricerca nel supporto vitale di base e nell'uso dei defibrillatori.

3. La trasmissione dei dati rispetterà, in ogni caso, le disposizioni del regolamento sulla protezione dei dati personali.

CAPO IV

Il regime di ispezione e sanzione viola lo standard sui defibrillatori esterni


Articolo 14 Ispezione e controllo del defibrillatore

Il dipartimento con poteri nel campo della salute, attraverso i servizi di ispezione sanitaria, può ispezionare le attività e le strutture previste dal presente decreto, al fine di verificare l'adeguatezza di questi e defibrillatori, nonché la formazione del personale incaricato della sua gestione, alle disposizioni contenute nel presente decreto.

È inoltre possibile richiedere i rapporti appropriati dalla Fondazione per le emergenze di sanità pubblica della Galizia-061, al fine di mantenere una conoscenza costante e aggiornata della posizione e delle condizioni dei defibrillatori, nonché per il rilevamento di valori alti o bassi non dichiarati.


Articolo 15 Regolamento dei defibrillatori del sistema di penalità

Fatte salve le altre normative eventualmente applicabili, le infrazioni commesse in virtù delle disposizioni del presente decreto sono considerate violazioni in materia di salute e la corrispondente responsabilità è richiesta come previsto nel Titolo II, capitolo IV, della legge 8 / 2008, da luglio 10, dalla salute della Galizia; nel capitolo VI del titolo I dell'atto 14 / 1986 dell'aprile 25, generale della salute; elaborazione preventiva del file corrispondente in conformità con le disposizioni della legge 39 / 2015, di 1 di ottobre, e della legge 40 / 2015, di 1 di ottobre, del regime giuridico del settore pubblico.

Prima disposizione aggiuntiva. Protezione dei dati personali

Il trattamento dei dati di cui al presente decreto deve essere adeguato in ogni caso, come stabilito dalla normativa applicabile in materia di protezione dei dati personali.

In conformità con la Legge organica 15 / 1999, di 13 dicembre, sulla protezione dei dati personali, i dati personali raccolti, il cui trattamento e pubblicazione autorizzati dalle persone interessate attraverso la presentazione di dichiarazioni responsabili, saranno inclusi in un file chiamato « utenti e professionisti del sistema sanitario », al fine di gestire questa procedura, nonché di informare le parti interessate in merito al suo trattamento. L'organismo responsabile di questo file è il Segretariato tecnico generale. I diritti di accesso, rettifica, cancellazione e opposizione possono essere esercitati dinanzi allo stesso ente responsabile del file, inviando una comunicazione al seguente indirizzo: Dipartimento della sanità, Edificio amministrativo di San Lázaro, s / n, 15703 Santiago de Compostela, o attraverso la comunicazione elettronica.

Seconda disposizione aggiuntiva. Aggiornamento del modulo di dichiarazione responsabile

Per la presentazione delle dichiarazioni responsabili disciplinate nel presente decreto sarà necessario utilizzare il modulo standardizzato, disponibile presso la sede elettronica della Xunta de Galicia, dove sarà costantemente aggiornato e accessibile alle persone interessate.

Al fine di mantenerlo adattato alle normative vigenti, il modulo incluso come allegato I può essere aggiornato presso la sede elettronica della Xunta de Galicia, senza la necessità di pubblicarlo di nuovo nella Gazzetta ufficiale della Galizia, a condizione che la modifica o l'aggiornamento non implichino una modifica sostanziale di questo né del contenuto delle dichiarazioni previste dal presente decreto.

L'aggiornamento del modulo deve essere approvato con delibera del responsabile del dipartimento con poteri nel campo della salute, fatta salva la loro pubblicità attraverso la sede elettronica della Xunta de Galicia.

Disposizione transitoria singola. Adattamento di spazi e dispositivi

Le organizzazioni, le società e le entità che dispongono di dispositivi di defibrillazione esterni devono disporre di un periodo di sei mesi, conteggiato dalla data di entrata in vigore del presente decreto, per adeguarsi alle disposizioni in esso contenute. Dopo questo periodo, il dipartimento con poteri nel campo della salute può avvalersi dei suoi poteri di ispezione e controllo, secondo le modalità indicate nel capitolo IV del presente decreto.

Disposizione di abrogazione unica. Abrogazione normativa

Il decreto 99 / 2005, di 21 di aprile, che regola la formazione e l'uso di defibrillatori esterni da parte di personale non medico, e le disposizioni di livello uguale o inferiore contrarie alle disposizioni del presente decreto sono abrogate.

Prima disposizione finale. Sviluppo normativo

Il capo del dipartimento con poteri nel campo della salute, nel campo dell'organizzazione e delle questioni del suo dipartimento, ha il potere di dettare le disposizioni necessarie per lo sviluppo delle disposizioni del presente decreto.

Seconda disposizione finale

Entrata in vigore Il presente decreto entrerà in vigore venti giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale della Galizia.

Santiago de Compostela, 23 marzo duemila diciassette

Alberto Núñez Feijóo Presidente

Jesús Vázquez Almuiña Conselleiro de Sanidade

SCARICA IL REGOLAMENTO che regola l'uso dei defibrillatori automatici esterni in Galizia

Azienda specializzata nella formazione, installazione e manutenzione di defibrillatori a La Coruña, Pontevedra, Orense e Lugo

La nostra azienda offre servizi di installazione e manutenzione per defibrillatori esterni, strutture approvate secondo le normative galiziane, un servizio completo di gestione per defibrillatori esterni con consulenza, installazione, formazione, manutenzione e riparazione di defibrillatori per conformarsi alla norma della comunità autonoma.

Nella provincia di La Coruña Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di La Coruña, Santiago de Compostela, Ferrol, Finisterre, Betanzos, Motecnia, Padrón, Noia e Muros, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.

Nella provincia di Pontevedra Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Pontevedra, Vigo, Porriño, Baiona, Tui, La Guardia, Redondela e Moaña, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.

Nella provincia di Orense Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Orense, Verín, Allariz, Ribadavia, Carballino, Ginzo de Limia e Oímbra, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.

Nella provincia di Lugo Offriamo servizi di vendita e installazione di defibrillatori esterni nella città di Lugo, Villalba, Monforte de Lemos, Nursery, Burela, Ribadeo, Fonsagrada, Chantada e Sarria, siamo una società autorizzata di manutenzione e formazione del defibrillatore sull'uso di defibrillatori esterni.


stampa E-mail